HT SRL

logo print

Confronti

Confronti

Riporto HT in carburo di tungsteno: 100%
Riporto con barrette tubolari in WC: 65%
Riporto con elettrodi in WC: 45%
Saldobrasatura placchette WC: 45%
Fusione in ghisa: 25%

Se confrontiamo le diverse soluzioni, i risultati che si ottengono sono molto diversi: il grafico mostra la durata dei diversi tipi di riporti e delle fusioni in ghisa legata al Cr o Ni.
Il riporto a elettrodo è notevolmente svantaggiato perché diluisce il materiale base e abbassa la qualità del riporto; inoltre, riportando più strati per ottenere l’analisi nominale dell’elettrodo, il deposito s’infragilisce e tende a criccare.
La barretta tubolare riportata al cannello ha caratteristiche simili al riporto eseguito da HT s.r.l., ma con proprietà di resistenza all’usura inferiori, perché il legante è di qualità più scadente, con durezza e caratteristiche di coadesione inferiori.
La saldobrasatura di placchette in carburo di tungsteno conferisce al pezzo la massima durezza e omogeneità, ma è molto fragile; tali placchette tendono a scalzarsi e a spezzarsi, limitando notevolmente la durata del pezzo.
I pezzi costruiti integralmente in ghise legate al Cr o Ni sono quelli che logicamente hanno il costo minore, ma che, se confrontate a materiali riportati con leghe a base di carburi di tungsteno, danno i risultati più insoddisfacenti per le loro scarse caratteristiche di resistenza all’usura.